Home › Blog

Aggiornamenti, eventi e news di Fondazione CMT

Come relazionarsi con una persona malata di cancro

Come relazionarsi con una persona malata di cancro

Importanza del supporto morale

Il cancro è stato definito la malattia del secolo. Purtroppo, ogni anno sono migliaia le persone alle quali viene diagnosticato un tumore. Nel momento della scoperta, l’impatto peggiore che subisce il malato è sicuramente quello emotivo. Tanti sono i pensieri che attraversano la sua mente, dettati tutti da un unico grande timore: la paura di non riuscire a sopravvivere. La ricerca, nel corso degli anni, ha fatto passi da gigante e la malattia sta diventando sempre più curabile, ma purtroppo ci sono ancora tante persone che non ce la fanno. La battaglia continua, e la cosa più importante resta non perdere la speranza. Quando sentiamo la parola "cancro" siamo tutti scossi da un brivido, e ancor di più da una profonda tristezza, se il male viene diagnosticato ad un conoscente.
Se ad un vostro amico è stato rilevato un tumore, potreste trovarvi in una situazione difficile: ci si sente impotenti, non sapendo in alcun modo da dove partire per offrire il proprio aiuto. Il primo pensiero che balena alla mente è che, in fin dei conti, soltanto i medici potranno tentare di liberarlo dalla malattia. Dovete sapere però che non per questo l’aiuto di una persona vicina è insignificante, anzi tutto il contrario! In realtà siete in grado di offrire un supporto che contribuirà a rendere le giornate del malato di cancro un po’ più semplici da affrontare. Se quindi desiderate impegnarvi per aiutare il vostro amico in questo senso, potrete seguire un procedimento costituito da una serie di accorgimenti che oggettivamente gli gioveranno.


Avvicinarsi a piccoli passi

La prima cosa da fare è stabilire se si è nella posizione adatta per offrire il proprio aiuto al malato di cancro. Questo dipende molto da quanto lui desideri la vostra presenza. Il modo migliore per capirlo è mostrargli interesse riguardo la sua situazione, telefonandogli e rendendovi disponibili quando occorre. Se accetterà e manifesterà gradimento nel vedervi, allora potrete fare qualche passo in più. È importante che siate informati sulla situazione medica del paziente, ma attenzione: non in maniera dettagliata, altrimenti si rischia di essere invadenti. Più che altro, dovete conoscere il quadro generale, in maniera tale da sapere quali sono i bisogni essenziali in cui gli occorre aiuto. Ovviamente tutto ciò non potrà essere stabilito con assoluta certezza, essendo la vita del tutto imprevedibile, a maggior ragione se si tratta di un malato di cancro. Insieme al decorso della malattia, occorre valutare la situazione generale della sua famiglia, e chiedersi se, nel caso in cui la patologia sia giunta ad uno stato parecchio invalidante, c’è qualcuno in grado di prendersi cura di lui e di svolgere tutti i servizi necessari ad andare avanti. Ed è qui che potrete offrire il vostro aiuto, proponendovi di svolgere qualche piccola mansione per la famiglia, come preparare il pranzo, andare a fare la spesa, svolgere qualche faccenda domestica o semplicemente far compagnia al vostro amico. Tutto dipende dalla situazione specifica e da voi, che dovete stabilire cosa volete e cosa siete in grado di fare.

 

Tatto e sensibilità: elementi essenziali per relazionarsi con un malato di cancro

Ricordate sempre che gli atteggiamenti più importanti da mantenere nei confronti di un malato di cancro sono il tatto e la sensibilità. Quindi, se intendete offrire il vostro aiuto, fatelo sempre in modo da non far sentire soffocato il vostro amico: in altre parole, potete proporvi per svolgere qualche faccenda, ma non imponetevi di fare tutto, in questo modo peccherete di invadenza e sicuramente questo non farà piacere né al malato né alla famiglia. Basta un piccolo gesto per far sentire la vostra vicinanza, non occorre impegnarvi per incarichi "troppo importanti", valutate le sue necessità e proponetevi per mansioni semplici. È usanza diffusa fare dei regali ai malati. Cercate di essere moderati anche in questo, se cadete nell’eccesso potreste solo creare degli inutili imbarazzi.
Oltre all’aspetto pratico, un grandissimo aiuto (forse il più importante) che si può fornire a chi si trova purtroppo in queste condizioni, è quello emotivo. Intrattenetelo con la vostra compagnia dedicandogli visite costanti, ed ascoltatelo, ascoltate i suoi sfoghi, le sue paure e le sue incertezze sul futuro, cercate di dare conforto facendo sempre comunque molta attenzione alle parole che usate, ricordate: tatto e sensibilità! Riconoscete poi i vostri limiti: non sperate di riuscire a fare tutto da soli, per cui cercate di coinvolgere altre persone e siate sempre aperti a farli collaborare in tutto ciò che fate per il vostro amico, a lui gioverà sicuramente anche la vicinanza di altri.

Co-opera con noi

IL POCO DI TANTI PUÒ FARE TANTO: per la ricerca, per la cura, per sconfiggere il tumore.

REGALARE LA RICERCA È UN GESTO D'AMORE

CODICE FISCALE 96060410188

btnDonazione

DESTINA IL TUO 5XMILLE ALLA RICERCA

CODICE FISCALE 96060410188

btnDonazione

FAI UNA DONAZIONE

per i bonifici il codice iban è IT03I0569611300000020545X12

btnDonazione